1news

1scuola

1master

1bioetica

lingue

 

La Bacheca di Don Ramon

Sono stati programmati cinque incontri di formazione e aggiornamento per i Docenti IRC

Leggi Tutto

Istituto Superiore di Scienze Religiose "Fides et Ratio"

 

Locandina CP2016 Comune

III Giornata di Studi sul Cristianesimo Primitivo
“Il Cristianesimo del primo millennio:
multidisciplinarità e nuovi orizzonti nella ricerca”
L'Aquila, ISSR "Fides et Ratio" - sabato 17 settembre 2016

La giornata di studi vuole approfondire il modo in cui le nuove discipline (ad es. cultural history, gender studies, etc.) o i nuovi strumenti tecnologici (database relazionali, ontologie, etc.) stanno concorrendo a determinare un approccio più moderno nell'ambito degli studi storico-religiosi. Sono ammesse relazioni della durata massima di 30' che riguardino il Cristianesimo del primo millennio e che evidenzino almeno un aspetto innovativo nell'ambito della multidisciplinarità o degli strumenti di ricerca utilizzati.

 

IL PROGRAMMA

9:45 Saluti del Preside ISSR Fides et Ratio
10:00 Jerim Bogdanic Pischedda (Collegio Croato)
I Christiani nel frammento 2 di Tacito: un teologumeno di Sulpicio Severo.
10:30 Lorenzo Carnevali (indipendente)
La ricerca palinologica sul telo di Torino. Uno status quaestionis.
11:00 Question time
11:30 Coffee Break
12:00 Andrea Nicolotti (Università degli studi di Torino)
La Sindone di Torino in quanto tessuto.
12:30 Valerio Polidori (ISSR Fides et Ratio)
Fozio e le donne. Note preliminari a uno studio di genere.
13:00 Pausa pranzo
14:00 Enrico Tuccinardi (indipendente)
Applicazione di un metodo stilometrico, basato sui profili autoriali, per verificare la paternità di uno scritto: indagine sull’autenticità della lettera di Plinio il Giovane riguardante i Cristiani.
14:30 Federico Ferrari (Università di Venezia Ca’ Foscari)
Gli occhialacci della filosofia: la lente deformante del pregiudizio filosofico nell'esegesi tardo antica di un caso di negromanzia.
15:00 Stefania di Carlo (ISSR Fides et Ratio)
Asia o Aveia, luogo di martirio di S. Massimo Levita, protettore dell’Aquila: una diatriba forse risolvibile.
15:30 Question Time
16:30 Conclusione dei lavori

Per info: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

 

 

fotoarticoloL’Istituto Superiore di Scienze Religiose di L’Aquila è stato eretto dall’Arcivescovo metropolita Mons. Carlo Martini con Decreto n. 174 del 15 agosto 1979. Successivamente, con Decreto n. 191/83 del 12 ottobre 1983 della Sacra Congregazione per l’Educazione Cattolica, esso è stato “associato” all’Istituto di Scienze Religiose della Facoltà di Teologia della Pontificia Università Lateranense. Infine, con Decreto n. 191/83/30 del 28 gennaio 1987 della stessa Congregazione, l’Istituto è stato eretto accademicamente, in via definitiva, e collegato alla Facoltà di Teologia della Pontificia Università Lateranense. A seguito dell’Istruzione dell’Educazione Cattolica del 28 giugno 2008, in data 24 giugno 2010 è stato approvato “ad quinquennium” il Nuovo Statuto mentre era Presidente Moderatore, S. E. Mons. Giuseppe Molinari, Arcivescovo Metropolita dell’Aquila.

 

L’Istituto Superiore di Scienze Religiose (ISSR) dell’Aquila «Fides et Ratio» (eretto accademicamente dalla Congregazione per l’Educazione Cattolica) è una Istituzione accademica ecclesiastica prevista dal Codice di Diritto Canonico (can. 821) e dal Codice dei Canoni delle Chiese Orientali (can. 404 2). L’Istituto è regolato dall’Istruzione sugli Istituti Superiori di Scienze Religiose della Congregazione per l’Educazione Cattolica del 28 giugno 2008.

 

L’ISSR dell’Aquila ha come scopo la formazione dei fedeli – laici, religiose e religiosi non sacerdoti – in ordine all’arricchimento della propria vita cristiana, alla capacità di dare ragione della propria fede, all’esercizio dell’apostolato loro proprio e, in particolare, alla loro partecipazione all’evangelizzazione. Allo stesso tempo, esso prepara figure professionali inserite nelle dinamiche culturali e operative della società contemporanea, per poter collaborare con i ministri sacri nella loro specifica missione.